Ultimati tutorial sui diagrammi delle relazioni tra le entità (Diagrammi ER)

Quindi vuoi imparare i diagrammi di relazione tra entità? Questo tutorial sui diagrammi ER tratterà il loro utilizzo, la cronologia, i simboli, le notazioni e come utilizzare il nostro software per i diagrammi ER per disegnarli. Abbiamo anche aggiunto alcuni modelli per consentirti di iniziare rapidamente.

Cos’è un diagramma ER?

Un Entità Relazione Diagramma (ERD) è una rappresentazione visiva delle diverse entità all’interno di un sistema e del modo in cui si relazionano tra loro. Ad esempio, l’autore degli elementi, il romanzo e il consumatore possono essere descritti utilizzando i diagrammi ER nel modo seguente:

Esempio di diagramma ER
Diagramma ER con oggetti di base

Sono anche noti come modelli ERD o ER. Cliccate sui seguenti link se volete imparare qualcosa di specifico sui diagrammi ER.

Storia dei diagrammi ER

Sebbene la modellazione dei dati sia diventata una necessità intorno agli anni ’70, non esisteva un modo standard per modellare i database o i processi aziendali. Sebbene siano state proposte e discusse molte soluzioni, nessuna è stata ampiamente adottata.

Peter Chen va il merito di aver introdotto il modello ER ampiamente adottato nel suo documento “The Entity Relationship Model-Toward a Unified View of Data”. L’attenzione si è concentrata su entità e relazioni e ha introdotto una rappresentazione grafica anche per la progettazione di database.

Il suo modello si è ispirato ai diagrammi della struttura dei dati introdotti da Charles Bachman. Una delle prime forme di diagrammi ER, i diagrammi di Bachman prendono il suo nome.

Per una storia dettagliata dei diagrammi ER e la valutazione della modellazione dei dati, consultare questo articolo.

Utilizzo diagrammi ER

Quali sono gli usi dei diagrammi ER? Dove vengono utilizzati? Anche se possono essere utilizzati per modellare quasi tutti i sistemi, sono utilizzati principalmente nei seguenti settori.

Modelli ER nella progettazione di database

Sono ampiamente utilizzati per la progettazione di banche dati relazionali. Le entità nello schema ER diventano tabelle, attributi e convertono lo schema del database. Poiché possono essere utilizzati per visualizzare le tabelle del database e le loro relazioni, sono comunemente usati anche per la risoluzione dei problemi del database.

Diagrammi ER nell’ingegneria del software

I diagrammi di relazione tra le entità sono utilizzati nell’ingegneria del software durante le fasi di pianificazione del progetto software. Essi aiutano a identificare i diversi elementi del sistema e le loro relazioni tra loro. Spesso viene utilizzato come base per i diagrammi di flusso dei dati o DFD come sono comunemente conosciuti.

Ad esempio, un software di inventario utilizzato in un negozio al dettaglio avrà un database che monitora elementi quali acquisti, articolo, tipo di articolo, fonte dell’articolo e prezzo dell’articolo. Il rendering di queste informazioni attraverso un diagramma ER sarebbe qualcosa di simile:

Esempio di diagramma ER con entità con attributi
Esempio di diagramma ER con entità con attributi

Nel diagramma, le informazioni all’interno delle forme ovali sono attributi di una particolare entità.

Diagramma ER Simboli e notazioni

Simboli dei diagrammi ER discussi in questo tutorial sui diagrammi ER
Elementi nei diagrammi ER

Ci sono tre elementi di base in un diagramma ER: entità, attributo, relazione. Ci sono più elementi che si basano sugli elementi principali. Sono entità deboli, attributo multivalore, attributo derivato, relazione debole e relazione ricorsiva. La cardinalità e l’ordinalità sono altre due notazioni utilizzate nei diagrammi ER per definire ulteriormente le relazioni.

Entità

Un’entità può essere una persona, un luogo, un evento o un oggetto che è rilevante per un dato sistema. Ad esempio, un sistema scolastico può includere studenti, insegnanti, corsi di specializzazione, materie, tasse e altri elementi. Le entità sono rappresentate nei diagrammi ER da un rettangolo e denominate con nomi singolari.

Entità debole

Un’entità debole è un’entità che dipende dall’esistenza di un’altra entità. In termini più tecnici può essere definita come un’entità che non può essere identificata con i propri attributi. Utilizza una chiave esterna combinata con la sua attribuita per formare la chiave primaria. Un’entità come l’elemento dell’ordine è un buon esempio per questo. L’articolo dell’ordine sarà privo di significato senza un ordine, quindi dipende dall’esistenza dell’ordine.

Entità debole nei diagrammi di relazione delle entità
Esempio di entità debole nei diagrammi ER

Attributo

Un attributo è una proprietà, caratteristica o caratteristica di un’entità, relazione o altro attributo. Per esempio, l’attributo Inventory Item Name è un attributo dell’entità Inventory Item. Un’entità può avere tutti gli attributi necessari. Nel frattempo, anche gli attributi possono avere i loro specifici attributi. Ad esempio, l’attributo “indirizzo del cliente” può avere gli attributi numero, via, città e stato. Questi sono chiamati attributi compositi. Si noti che alcuni diagrammi ER di livello superiore non mostrano gli attributi per motivi di semplicità. In quelli che lo fanno, invece, gli attributi sono rappresentati da forme ovali.

Attributi nei diagrammi ER
Attributi nei diagrammi ER, Si noti che un attributo può avere i suoi propri attributi (attributo composito)

Attributo multivalutato

Se un attributo può avere più di un valore, viene chiamato attributo multi-valore. È importante notare che questo è diverso da un attributo che ha i suoi propri attributi. Per esempio, un’entità insegnante può avere più valori di materia.

Attributo multivalutato nei diagrammi delle relazioni di entità
Esempio di un attributo multivalutato

Attributo derivato

Un attributo basato su un altro attributo. Questo si trova raramente nei diagrammi ER. Ad esempio, per un cerchio, l’area può essere derivata dal raggio.

Attributo derivato nei diagrammi ER
Attributo derivato nei diagrammi ER

Relazione

Una relazione descrive il modo in cui le entità interagiscono. Per esempio, l’entità “Falegname” può essere collegata all’entità “tabella” dalla relazione “costruisce” o “fa”. Le relazioni sono rappresentate da forme di diamante e sono etichettate con verbi.

Rapporti nei diagrammi ER
Uso delle relazioni nei diagrammi delle relazioni tra le entità

Relazione ricorsiva

Se la stessa entità partecipa più di una volta ad una relazione, si parla di relazione ricorsiva. Nell’esempio seguente un dipendente può essere un supervisore ed essere supervisionato, quindi c’è una relazione ricorrente.

Relazione ricorsiva nei diagrammi ER
Esempio di una relazione ricorsiva nei diagrammi ER

Cardinalità e ordinarietà

Questi due definiscono ulteriormente le relazioni tra le entità collocando la relazione nel contesto dei numeri. In un sistema di posta elettronica, ad esempio, un account può avere più contatti. Il rapporto, in questo caso, segue un modello “uno a molti”. Ci sono diverse notazioni utilizzate per presentare la cardinalità nei diagrammi ER. Chen, UML, Zampa di Corvo, Bachman sono alcune delle notazioni popolari. Creately supporta le notazioni di Chen, UML e Crow’s foot notations.l’esempio seguente utilizza UML per mostrare la cardinalità.

Cardinalità nei diagrammi ER
Cardinalità nei diagrammi ER con notazione UML

Come disegnare i diagrammi ER

I punti sottostanti mostrano come creare un diagramma ER.

  1. Identificare tutte le entità del sistema. Un’entità dovrebbe apparire una sola volta in un particolare diagramma. Creare rettangoli per tutte le entità e nominarli correttamente.
  2. Identificare le relazioni tra le entità. Collegarli utilizzando una linea e aggiungere un diamante al centro che descriva il rapporto.
  3. Aggiungere gli attributi per le entità. Dare nomi di attributi significativi in modo che possano essere compresi facilmente.

Sembra semplice, vero? In un sistema complesso, può essere un incubo identificare le relazioni. Questo è qualcosa che si perfeziona solo con la pratica.

Diagramma ER – Migliori pratiche

  1. Fornire un nome preciso e appropriato per ogni entità, attributo e relazione nel diagramma. Termini semplici e familiari battono sempre parole vaghe e tecniche. Nel nominare le entità, ricordatevi di usare sostantivi singolari. Tuttavia, gli aggettivi possono essere utilizzati per distinguere le entità appartenenti alla stessa classe (impiegato a tempo parziale e impiegato a tempo pieno, ad esempio). Nel frattempo i nomi degli attributi devono essere significativi, unici, indipendenti dal sistema e facilmente comprensibili.
  2. Eliminare le relazioni vaghe, ridondanti o inutili tra le entità.
  3. Non collegare mai una relazione con un’altra relazione.
  4. Fare un uso efficace dei colori. È possibile utilizzare i colori per classificare entità simili o per evidenziare aree chiave nei diagrammi.

Disegnare i diagrammi ER utilizzando Creately

È possibile disegnare manualmente diagrammi di relazioni tra entità, soprattutto quando si tratta di mostrare in modo informale semplici sistemi ai propri pari. Tuttavia, per i sistemi più complessi e per il pubblico esterno, è necessario un software di diagrammazione come quello di Creately per creare diagrammi ER visivamente accattivanti e precisi. Il ER Diagramma software di offerto da Creately come servizio online è piuttosto facile da usare ed è molto più conveniente rispetto all’acquisto di software con licenza. È anche perfettamente adatto per i team di sviluppo grazie al suo forte sostegno alla collaborazione.

Modelli del diagramma ER

Di seguito sono riportati alcuni modelli di diagrammi ER per poter iniziare rapidamente. Cliccando sull’immagine e nella nuova pagina che si apre cliccare sul pulsante “Usa come modello”. Per ulteriori modelli, consultate la nostra sezionemodelli di diagrammi.

Modello del diagramma ER
ER Diagramma modello della banca dati degli esami ( Cliccare sull’immagine da utilizzare come modello)

Un modello di base di diagramma ER per un avvio rapido

Modello del diagramma di relazione dell'entità
Modello di base del diagramma ER ( Cliccare per usare come modello )

Vantaggi dei diagrammi ER

I diagrammi ER costituiscono un quadro di riferimento molto utile per la creazione e la manipolazione di database. In primo luogo, i diagrammi ER sono facili da capire e non richiedono una formazione approfondita per poter lavorare in modo efficiente e preciso. Ciò significa che i progettisti possono utilizzare i diagrammi ER per comunicare facilmente con gli sviluppatori, i clienti e gli utenti finali, indipendentemente dalle loro competenze informatiche. In secondo luogo, i diagrammi ER sono facilmente traducibili in tabelle relazionali che possono essere utilizzate per costruire rapidamente database. Inoltre, i diagrammi ER possono essere utilizzati direttamente dagli sviluppatori di database come progetto per l’implementazione dei dati in specifiche applicazioni software. Infine, i diagrammi ER possono essere applicati in altri contesti come la descrizione delle diverse relazioni e operazioni all’interno di un’organizzazione.

Feedback sul tutorial del diagramma ER

Ho fatto del mio meglio per coprire tutto quello che c’è da sapere sui diagrammi del pronto soccorso. Se pensate che mi sia sfuggita una parte, ricordatelo nelle sezioni dei commenti. È anche un buon posto per fare domande. Se una domanda viene posta frequentemente la aggiungo alla sezione domande frequenti.

Riferimenti

1. Modello di relazione tra le entità pubblicato su Wikipedia.
2. Diagramma delle relazioni tra le entità di Mike Chapple pubblicato sul sito web About.com

Lascia un commento

*
*

3 × four =

Torna in cima